Casa per ferie Santa Sofia

La Casa Santa Sofia è gestita dalle Suore Catechiste di Sant'Anna.

La Casa è adiacente alla Chiesa dei Santi Sergio e Bacco, due santi martiri siriani, ufficiali del esercito romano, martirizzati nel 303 d.C. Sotto l'imperatore Diocleziano. Essa ha origini antiche, già ricordata nel 796 in una biografia di Papa Leone III come Oratium Sanctorum Sergi et Bacchi; e menzionata ancora nel IX secolo come Ecclesia S. Sergii in Subur.


La Chiesa nel corso del secoli fu assegnata dai papi a vari conventi e monasteri, finché nel 1596 con l'Unione di Brest (decisione della metropolia di Kyiv di sottomettersi al papa di Roma) fu assegnata agli ucraini cattolici di rito bizantino. Papa Urbano III nel 1643 la donò, insieme all'edificio limitrofo (l'attuale Casa per Ferie), definitivamente ai monaci ruteni basiliani. Nel 1741 l'immobile venne riedificato a spese di alcuni fedeli devoti all'immagine della Madonna che si venera sull'altare maggiore della chiesa.  Quella sacra immagine fu scoperta  nel 1718 sotto l'intonaco del muto contiguo alla sagrestia e collocata in seguito sull'altare maggiore. La chiesa oggi è la chiesa nazionale degli ucraini.
L'edificio limitrofo alla Chiesa, nel 1898 (in seguito al decreto di Papa Leone XIII) divenne Pontificio Collegio Ucraino;  in quello stesso anno fu ristrutturato e l'attuale facciata conserva duella ristrutturazione. Nel 1934 divenne la Casa Generalizia dell'Ordine di Basilio Magno.


Dal 1969 la casa, acquistata dal Cardinale Josef Slipyj, è di proprietà di Associazione Santa Sofia. Le Suore Catechiste di Sant'Anna sono state invitate nel 1971 per aiutare nell'attività di accoglienza a favore degli ucraini che si recavano a Roma. Infine nel 1998, dopo una completa ristrutturazione, è diventata una Casa per Ferie per i pellegrini di tutto il mondo.

La Casa per Ferie Casa Santa Sofia costituisce uno strumento per la missione di apostolato delle Suore Catechiste di Sant’Anna, per la promozione di un turismo religioso, socio-culturale, per l’integrazione sociale, l’assistenza, l’accoglienza e l’ospitalità della persona secondo il Magistero e la dottrina della Chiesa. A disposizione delle ospiti per la preghiera vi è l’adiacente Chiesa dei Santi Martiri Sergio e Bacco con accesso interno dalla Casa Santa Sofia.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione